PADI_logo_Hor_Rev_Trap_4C Centro PADI Roma Five Stars S-799448
Tuttisub  INFOLINE 
Il Mar Mediterraneo è un bacino unico, caratterizzato da una incredibile biodiversità e dalla presenza di numerosi endemismi, cioè di specie che non vivono in nessun altro luogo al mondo. Tra le numerose specie endemiche del nostro mare vi è un mollusco davvero speciale, il più grande bivalve del Mare Nostrum: la Pinna nobilis. Figura 1: Misurazione delle dimensioni della nacchera di mare. Comunemente chiamata nacchera, pinna comune, cozza penna o stura, la Pinna nobilis (Linneaus 1758) è, infatti, uno dei più grandi molluschi bivalvi del mondo e ha una vita che può raggiungere o superare addirittura i 23 anni!…
Lo scarico delle acque di zavorra, le migrazioni spontanee attraverso gli stretti di Suez e Gibilterra, l’acquacoltura e l’acquariofilia sono tra le cause principali della diffusione di specie aliene nel mar Mediterraneo. Ma che si intende per specie aliena? DEFINIZIONE DI "SPECIE ALIENA" Le specie aliene o NIS (Non Indigenous Species), dette anche “alloctone” o “esotiche”, sono specie sia animali che vegetali introdotte dall’uomo, volontariamente o involontariamente, in zone al di fuori del loro areale di distribuzione originario. Per chiarezza, viene definito “areale di distribuzione” di una specie la porzione di spazio geografico dove una specie è naturalmente distribuita. Figura…
Sebbene l’inquinamento (termico, chimico, da petrolio, acustico ecc.) provochi enormi danni all’ecosistema marino-costiero, a minacciare oggi l’integrità del litorale italiano è soprattutto la cementificazione delle coste. LA SITUAZIONE ATTUALE: 1) LE SPIAGGE Figura 1: Differenze negli anni del grado di urbanizzazione della foce del Basento (Pellicani et al., 2020). Dall’ultimo aggiornamento della banca dati “Linea di costa italiana 2020”, pubblicato lo scorso 22 maggio dall’ISPRA (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), emerge purtroppo un quadro preoccupante: nel corso degli ultimi 20 anni sono stati persi in media ben 5 Km di costa ogni anno a causa della…
Il riscaldamento globale, responsabile in tutto il mondo di fenomeni come la desertificazione dei suoli, lo scioglimento dei ghiacciai e l’aumento di eventi meteorologici estremi, è particolarmente intenso nel mar Mediterraneo. Ma di che si tratta e quali sono le conseguenze di un mare più caldo? GLOBAL WARMING: UN FENOMENO GLOBALE Con il termine Global Warming (letteralmente “riscaldamento globale”) ci si riferisce all’aumento della temperatura media globale terrestre, che è salita di circa un grado centigrado nell’ultimo secolo. Nonostante questa crescita non sia nulla se confrontata alle variazioni di temperatura avvenute in passato sulla Terra (pensate che 50 milioni di…
Spesso si usa il termine "polipo" come sinonimo di polpo. In realtà i due termini indicano due animali completamente diversi! E non si tratta solo di una vocale... Vediamo dunque di cosa stiamo parlando. IL POLPO COMUNE Il polpo è un mollusco cefalopode. Il suo nome scientifico è Octopus vulgaris, che significa “ottopode comune”: otto sono, infatti, le sue lunghe estremità dette braccia. Un altro termine che spesso viene impropriamente utilizzato per riferirsi al polpo è il termine “piovra” che serve per indicare gli esemplari più grandi del polpo che comunemente si avvistano durante le immersioni e che possono raggiungere…
6 milioni di anni fa, a seguito della chiusura dello stretto di Gibilterra, si verificò la cosiddetta “crisi di salinità del Mediterraneo” che portò all’evaporazione quasi completa del bacino. Se fossimo vissuti in quegli anni il mar Mediterraneo ci sarebbe apparso molto diverso da come lo conosciamo oggi! Vaste zone del Mare Nostrum divennero profonde e aride valli ricoperte sul fondo da uno spesso strato di sale e le acque riempivano solo una piccola parte del bacino, accumulandosi in pozze ipersaline (ossia con una salinità superiore al 38 ‰) distribuite principalmente tra Spagna e Italia e a sud est della…
15 gennaio 2022: 6mila barili di petrolio greggio sono stati dispersi lungo le coste del Perù. Questo episodio rappresenta solo l’ultimo di una lunga serie di disastri petroliferi. Ma che cos’è l’inquinamento da petrolio e quali sono stati gli incidenti più gravi? INQUINAMENTO DA PETROLIO Per “inquinamento da petrolio” si intende la contaminazione dell’ambiente (suolo, aria, acqua) causata da idrocarburi liquidi, ovvero petrolio greggio e derivati. L’inquinamento da petrolio può essere accidentale o sistematico. Quello accidentale si verifica come conseguenza di incidenti di navigazione di petroliere che liberano in maniera improvvisa e incontrollata ingenti quantità di petrolio. Questi disastri petroliferi…
La plastica si trova ormai ovunque: se ne sono trovate tracce persino nei ghiacci e nelle grandi fosse marine, a 10 km di profondità. La plastica potrebbe raggiungere i 34 miliardi di tonnellate nel 2050 e costituisce dopo l’acciaio e il cemento il terzo materiale di origine antropica più diffuso sulla Terra. MA PERCHÉ È COSÌ DIFFUSA? La storia della plastica inizia nel 1861 quando l’Inglese Alexander Parkes isola e brevetta il primo materiale plastico semisintetico, il Parkesine. Da allora moltissimi altri materiali plastici sono stati sintetizzati ma è solamente a partire dagli anni ‘60 del secolo scorso che la…
L'Italia è ricca di paesaggi litorali e subacquei d'eccezionale bellezza e d'interesse naturalistico. Le Aree Marine Protette (AMP) servono a tutelare proprio questo immenso tesoro! Ma che cosa sono e come funzionano? LE COSTE ITALIANE La penisola italiana è costituita da più di 7.500 chilometri di costa, in alcune zone rocciosa in altre sabbiosa, ed è bagnata da un bellissimo mare, forziere di un’elevata biodiversità, che racchiude paesaggi litorali e subacquei d’eccezionale bellezza ed interesse naturalistico. Figura 1: Foto di Pietragrande di Stalettì (Ph: Fabrizio Varini, 2018). La protezione di questi ambienti e della loro biodiversità è necessaria e d’interesse…
È facile credere a tutto quello che i giornali e i media ci raccontano, ma non sempre quello che leggiamo o vediamo è vero dal punto di vista scientifico. Per questo è importante SEMPRE controllare la fonte delle notizie che ci arrivano e capire se quest’ultima sia attendibile o meno. Sul mondo marino di falsi miti e leggende metropolitane ce ne sono purtroppo un’infinità… da qui l’idea di scrivere questo rapido articolo, primo di una serie, con il quale iniziare a portare a galla un po’ di verità “inaspettate” sul mondo marino! Senza dilungarmi oltre, vi auguro buona lettura! 1)…
Pagina 1 di 2
Con l'uso di questo sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookie.
NON raccogliamo dati di proliferazione a fini promozionali.